Presentazione della candidatura al Senato della Repubblica nella circoscrizione Estero

//Presentazione della candidatura al Senato della Repubblica nella circoscrizione Estero

Presentazione della candidatura al Senato della Repubblica nella circoscrizione Estero

Stimate Elettrici ed Elettori Italiani residenti in Europa,
 
permettetemi di presentarvi la mia candidatura al Senato della Repubblica nella circoscrizione Estero come capolista della lista unitaria di centrodestra: una vera coalizione di intenti che unisce, attraverso un programma pubblico ed approvato per iscritto, tutti nostri leaders (Berlusconi, Salvini, Meloni e Cesa).
 
Il mio retaggio umano e professionale è tutto nella sezione “Chi Sono” di questo sito: ne sono fiero e felice e vi prego di prenderne visione per valutarmi come candidato alla Vostra fiducia.
 
Da un punto di vista politico, per oltre venti anni e a differenza di diversi altri candidati, sono sempre stato dalla stessa parte: quella di un centrodestra unito, di ispirazione liberale e promotore della crescita economico-sociale del Paese, completamente alternativo ai cinque stelle ed alle varie sinistre. Guardate per favore nella sezione del “Programma politico” le nostre proposte più qualificanti.
 
Sono emigrato all’estero nel 1993 e da allora -con l’eccezione di 18 mesi a Washington DC in USA- sono stato sempre in giro in Europa e lavorato a Bruxelles, Parigi, Roma, Ginevra e Londra, dove vive la mia famiglia e dove ho fondato nel 1997 un giornale dedicato alla nuova emigrazione professionale italiana.
 
Difendo da sempre con passione gli interessi degli Italiani all’estero: ho gia avuto l’onore di farlo anche in Parlamento (2010-2013), con risultati legislativi concreti (vedi sul sito del Senato) e ho elaborato i punti specifici del programma che vi propongo proprio sulla base di questa lunga e rilevante esperienza.
 
Propongo ad esempio di creare (e so come farlo) subito nel nuovo Parlamento una commissione mista Camera-Senato per tutte le questioni degli Italiani all’estero perché altrimenti non conteremo mai niente: gli altri parlamentari lo sanno e quelli ostili a noi capiranno subito se hanno a che fare con gente competente o figure, pur legittime, assolutamente inefficaci nell’attività istituzionale a Roma.
 
Propongo di riprendere il cammino tracciato da Tremaglia -come unico ministro degli Italiani nel mondo nel primo Governo Berlusconi- diretto specificamente ad unificare le competenze dell’Amministrazione italiana relative agli iscritti AIRE in un unico ente di riferimento perché siamo stanchi di dover rincorrere ogni nostra legittima istanza in dozzine di uffici sparsi per l’Italia.
 
Mi propongo anche come eventuale membro della Commissione Bilancio perché è la più importante sede nella quale poter incidere sulle leve finanziarie dello Stato, comprese tutte le voci contabili che ci riguardano come Italiani all’estero. Nessun parlamentare eletto nella circoscrizione Estero, prima o dopo di me, ne ha fatto mai parte: io nel 2012 ebbi la responsabilità di essere il relatore in Commissione e nell’Aula del Senato della Legge ordinaria più importante dello Stato italiano: quella di Bilancio. Credetemi, la fila fuori di quella porta per presentare emendamenti che non saranno mai veramente presi in considerazione è già lunga, senza che contribuiamo con altri nostri rappresentanti.
 
Negli ultimi cinque anni, poiché non vivo di politica, ho lavorato nell’Amministrazione italiana ed in quella delle Nazioni Unite, arrivando ad essere eletto per due mandati triennali come Vice Presidente di un organismo intergovernativo dedicato agli standards universali nel commercio internazionale e nel Business digitale (compresa la Blockchain), basato a Ginevra, Svizzera.
 
Mi propongo a Voi. Sarei onorato della Vostra fiducia politica e nei farei tesoro con coerenza, capacità e serietà. Grazie!
 
Avv. Raffaele Fantetti
2018-03-07T00:10:28+00:00

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.